In ricordo di Gino Bartali…

Risultati immagini per gino bartali ebrei

di Fiorenzo Radogna in Corriere della Sera del 3 maggio 2018

Oggi che il ricordo delle sue gesta atletiche immense si diluiscono nei decenni; che nuove imprese di altri fuoriclasse della bici si sedimentano sulle sue; che lo sport (come la società) cannibalizza, che cosa resta di Gino Bartali da Firenze (1914-2000)? Certamente rimane il ricordo dell’uomo. Innanzitutto. Prima ancora dei Tour e dei Giri vinti, delle rivalità con Coppi. Delle vittorie incredibili che scansano guerre civili. Finanche di quel «naso triste come una salita». Tortuoso e cadente come i tornanti di una sua qualsiasi via di fuga dal gruppo. Da giovedì 3 maggio 2018 a Gerusalemme (dove venerdì 4 maggio è partito il Giro d’Italia) Ginettaccio è anche cittadino onorario d’Israele. Nuovo riconoscimento — conferito postumo — al coraggio di un campione umile e intelligente. Che ha saputo, con la «sbeffeggiante» ironia e la furbizia di certi italiani dal cuore grande, mettere la propria fama sportiva al servizio di una causa talmente importante da renderlo — anche suo malgrado — un eroe vero. Da libri di storia. Una causa che ha aiutato centinaia di ebrei a sopravvivere. Affrontata e vinta con la sola forza di quei polpacci venosi, di una maglietta madida e la solita (eterna) bicicletta. Fra «machine pistol» spianate, bombe, macerie. Vittime e carnefici.

Già «Giusto tra le Nazioni». Bartali è stato nominato «Giusto tra le nazioni» già nel 2013, per aver contribuito a salvare circa 800 cittadini italiani ebrei. In anni in cui il territorio toscano era devastato dalla guerra e con la scusa degli allenamenti, «Ginettaccio» nascondeva nel telaio della sua bicicletta documenti fondamentali per gli israeliti fiorentini che cercavano di sfuggire alle deportazioni. Contattato dalla Curia di Firenze, il campione si era reso disponibile a diventare una «staffetta» su richiesta diretta del cardinale di Firenze Elia Dalla Costa. Se fosse stato scoperto? Avrebbe fatto la fine di tanti altri eroi: sarebbe stato ucciso o deportato. Probabilmente senza nemmeno un processo. Sicuramente la sua fama non lo avrebbe salvato.

In missione sulla Firenze-Assisi. Della reale dinamica delle missioni-salvifiche di Bartali si sa che, tra l’ottobre del 1943 e il giugno del 1944, in più di trentacinque casi Ginettaccio si era esposto. Fingeva di allenarsi, percorrendo sulla sua bici la tratta Firenze-Assisi (circa 350 km fra andata e ritorno). Nella cittadina di San Francesco s’incontrava con padre Rufino Niccacci, lì i documenti falsificati, che consentivano agli ebrei di lasciare l’Italia, venivano stampati in una tipografia attigua alla cattedrale. Bartali quindi aveva il compito di trasportarli a Firenze: dentro il manubrio, nella canna o nel sellino della bici. Al ritorno, dalle parti di Reggello lo attendeva un calzolaio, ufficialmente per rifornirlo e rifocillarlo, in realtà per informarlo sui posti di blocco nazifascisti. A Terontola, invece, pare andasse in scena una vera e proprio commedia. Il titolare di un bar alimentava una gazzarra festante per omaggiare il campione in transito. In realtà per dissipare dubbi e sospetti da parte dei funzionari-Ovra (polizia segreta fascista), che da tempo «osservavano» Ginettacio.

L’essenza del campione-eroe. Per decenni il rivale di Fausto Coppi, quell’ex supercampione che, una volta ritirato, si aggirava sui palchi di ogni tappa del Giro d’Italia lanciando giudizi competenti (e sferzanti) con la sua voce roca, non raccontò mai nulla di questi atti di eroismo. Solo marginalmente, qualcosa cominciò a trapelare negli ultimi lustri della sua vita. Poi, anni dopo la sua morte, la storia venne a galla nella sua interezza. Per anni l’unico a sapere fu il figlio Andrea: «Io ho combattuto la mia guerra così — gli aveva detto papà Gino — e non voglio che si sappia niente».

L’arresto. «Mi hanno fermato più volte — confidò un giorno al figlio — e una volta anche arrestato». Nell’autunno del 1943, in particolare, Ginettaccio venne trattenuto dalla polizia fascista; a Firenze dettava legge il feroce comandante Mario Carità. Fu interrogato e messo sotto pressione, ma a nessuno venne in mente di ispezionare la sua bicicletta. E Bartali la scampò. Carità – a dispetto del suo nome – è oggi ricordato come persecutore (assassino e torturatore) di partigiani toscani ed ebrei.

Le vittorie. Per dare un’idea della grandezza del campione Bartali, basti ricordare fra le centinaia di vittorie: due Giri d’Italia prima della Seconda Guerra Mondiale (1936 e 1937) e uno dopo (1946). Due vittorie al Tour de France a distanza di dieci anni l’una dall’altra (1938 e 1948) e poi 4 Milano-Sanremo; 3 Giri di Lombardia; 1 Liegi-Bastogne-Liegi. Ma prima ancora dei Tour e dei Giri vinti, ciò che rimane di Gino Bartali è il ricordo di un uomo che ha rischiato la sua vita per salvare altre vite.